Viaggi di nozze: i misteri del Perù

Addentriamoci negli spettacolari paesaggi e nei misteri custoditi dal Perù, un Paese dove la traccia lasciata dalla storia è ancora ben visibile. Se vi ispirano siti archeologici di straordinaria bellezza, canyon profondi e isole galleggianti di canna, questo è il luogo perfetto per la vostra luna di miele.

La capitale è Lima, sull’oceano: Plaza de Armas, detta anche Plaza Mayor, circondata da palme ed imponenti edifici pubblici color giallo, era il cuore dell’insediamento di Pizarro. Se la visitate da aprile a ottobre, la troverete avvolta dalla nebbia. Lungo la costa si trova anche Paracas, da cui in battello si raggiungono le Islas Ballestas, un parco abitato da centinaia di uccelli e leoni marini. Inciso sulle colline della costa, si vede un gigantesco geoglifo a tre bracci, il “Candelabro de Paracas”, traccia di popolazioni pre-Inca. Altro grande mistero sono le Linee di Nasca, giganteschi disegni tracciati nel deserto risalenti forse al 450-600 d.C., visibili con un volo panoramico su aerei turistici da 6-8 posti.

Al sud ci aspettano Arequipa, i canyon, Machu Picchu e il Lago Titicaca. Ad Arequipa, 2’300 metri slm, si trova il cinquecentesco Monasterio de Santa Catalina, che con le sue mura e strade tortuose occupa un intero quartiere. L’intera città è costellata da edifici costruiti con la locale pietra bianca. Nel profondo Canyon del Colca, i condor delle Ande si lasciano trasportare dalle correnti ascensionali. Il centro urbano principale è Chivay, a 3’600 metri: da queste parti l’ambiente regala la vista di lama, vigogne e alpaca che pascolano liberi sulle pendici delle Ande.

Sul lago Titicaca, al confine tra Perù e Bolivia, galleggiano isole fatte di canne totora, costruite dalla tribù degli Uros per difendersi dagli attacchi aggressivi degli inca sulla terraferma. Da Puno, proseguendo in direzione di Cusco, si attraversa la Valle Sacra del fiume Urubamba: a circa 4’000 metri di altitudine sono visitabili i siti archeologici di Pucara (Lampa) e Raqchi. Questi fanno strada alle magnifiche rovine inca della cittadella di Machu Picchu: è il sito archeologico più famoso del continente, che domina la vallata dai suoi 2’400 metri di altezza. Raggiungibile attraversando ai piedi del monte la cittadina di Aguas Calientes, collegata solo da treni, il sito presenta rovine di pietra divise labirinticamente tra celle, nicchie e passaggi. Per gli amanti del trekking, il tortuoso Inca Trail di 43 km che porta fino in cima richiede quattro giorni, altrimenti ci sono frequenti autobus che vi risparmieranno la sfacchinata. I mesi più affollati dai turisti vanno da giugno ad agosto.

Non potete salutare il Perù prima di aver visto Cusco, culla della civiltà inca, camminando lungo le sue antiche vie acciottolate. Le Saline di Maras, che sembrano un quadro di Paul Klee in tre dimensioni, sono un complesso di migliaia di pozze che sfruttano l’evaporazione per estrarre il sale.
Stanchi di avventura ma appagati, rilassatevi quindi nel mare di Aruba, di cui abbiamo già parlato, di Los Roques o nelle più vicine e bellissime (ma costose) Galapagos.

Annunci